Linux
Ricerca & Sviluppo
slogo2.gif (5059 byte)

pagina
principale

Articoli pubblicati sul Pluto Journal di Novembre 1998.

Usare il formato PDF con Linux
Collegamento all'originale Copia locale
Come è nato.

Il testo è stato scritto molto velocemente per risolvere un problema relativo ad un altro articolo dello stesso giornale. La modifica è stata effettuata a seguito di alcune lamentele, ed è stata fatta una variazione sul PJ già uscito.

Approfondimento.

In fase di realizzazione.

Installazione di Linux da parte di un non vedente
Collegamento all'originale
Come è nato.

Il testo è la traduzione in Italiano di un messaggio in inglese.

Approfondimento.

L'autore del messaggio desidera che la persona in oggetto resti 'anonima', la pubblicazione è avvenuta rispettando questa necessità.

Una proposta ad una grande azienda
Collegamento all'originale Copia locale
Come è nato.

Sono abbonato a diverse riviste, un giorno leggendone una ho trovato l'annuncio della commercializzazione di Solaris7, dopo avere annunciato la cosa su Pluto Press ho buttato giù il testo e spedito ad Eugenia Franzoni, secondo me l'attualità ed il messaggio meritavano l'inserimento tra i testi del PJ.

Approfondimento.

20/12/1998

Mi immaginavo reazioni più decise, il contenuto del messaggio, anche se con un certo equilibrio, dovrebbe essere tanto deciso da impedirne una lettura tranquilla.

La prima 'risposta negativa' l'ho avuta tramite posta elettronica, credo a causa di una lettura troppo critica del pezzo. In effetti la comunità Linux ha la tendenza a stroncare Windows e tutti gli Unix commerciali, io non l'ho fatto e spero che questo sia comprensibile dal pezzo stesso.

La mia rabbia è dovuta in questi casi al pensiero che in Italia si investe pochissimo in queste cose, e se le nostre risorse le portiamo all'estero significa che non ricerchiamo più, diventiamo insomma colonia tecnologica. Io so che non è così, ma i giornalisti che ignorano questi fatti, che sono secondo me gravissimi, sono poi i primi a lamentarsi del fatto che le aziende Italiane non riescono ad imporsi in alcuni mercati, che non ci sono prodotti così innovativi etc. etc. etc...

L'altro aspetto ridicolo è che se ne parla solo nei giornali, mentre a livello governativo non viene fatto niente di niente.

Per esempio io sto lavorando, anzi mi sto uccidendo di lavoro, sto investendo in ricerca, ma non ho nessuna agevolazione a farlo, anzi, se è possibile mi viene data una mano a spendere di più.

Solo un esempio per essere chiari: nella mia azienda ora si cerca di usare il sistema GSM con i messaggi SMS, bene, con Linux sto lavorando in modo fantastico, giro posta su sms e sms su posta, faccio interrogazioni di stato, controlli remoti, insomma cosa da fantascienza, e contiunuo a pagare il servizio e poi detrarre solo il 50% di quello che spendo, sia in traffico che in apparecchiature.

La legge, che in questo caso mi sembra veramente ingiusta, presuppone in qualsiasi caso l'uso promisquo del telefono GSM. Ora visto che c'è un GSM attaccato ad un server Linux sto poverino come fa ad usarlo in modo promiscuo? telefona ogni giorno a Linus alla Trasmeta per sentire papà? Evidentemente in Italia le comunicazioni all'interno delle aziende sono e continuano ad essere considerate una cosa poco importante. Andiamo avanti così che va proprio, ma proprio bene.

Basterebbe cambiare la legge e dire: se usi il telefonino per lavoro, e puoi documentarlo (ad esempio dall'orario d'uso,dal servizio che svolge, o dalle telefonate che fai), bene altrimenti significa che lo usi in modo promiscuo, sarebbe più giusto.

Lo spettacolo Microsoft
Collegamento all'originale
Come è nato.

Testo scritto di pungo in qualche minuto, preso da un lampo di ispirazione credo alle 2 di notte, lasciato nel cassetto e proposto a Eugenia Franzoni più per scherzo che per altro, è piaciuto....

Approfondimento.

Si tratta essenzialmente di fantasia, anche se ho cercato di mantenere elementi vicini alla nostra realtà, al limite enfatizzandoli. Non me ne voglia la mia futura moglie per la parte finale, volevo solo mettere in evidenza che se incominciamo a pensare che è più facile cambiare gli oggetti piuttosto di ripararli il nostro futuro non è così roseo. Specialmente se le certezze non siamo noi a crearle o distruggerle ma sono altri, e ne possono ricavare anche un vantaggio economico.

Accessi a questa pagina (con interni ) ultima modifica 04-01-1999 09:04